Sharp, fornitore Apple, stringe un accordo strategico con Samsung

di Redazione 1

 

Sharp, uno dei maggiori fornitori di Apple, ha perso ben 5.4 miliardi di dollari nell’ultimo anno fiscale, e ora pensa di collaborare in modo stretto con Samsung per sopravvivere quanto possibile. Questo è ciò che ha riportato Reuters: la società giapponese starebbe entrando in un programma di riabilitazione della durata di tre anni, durante il quale andrebbe a collaborare da vicino con l’altro gigante della tecnologia, Samsung, nella produzione dei display.

“Per Sharp”, afferma Kozo Takahaski, nuovo presidente dell’azienda, “il piano da seguire è quello della collaborazione con altre realtà per la ricerca di nuove opportunità”. Solo l’anno scorso, Sharp aveva già incontrato diverse difficoltà dovute ad un mancato successo delle loro linee di televisori, situazione che li ha portati a decidere di dedicarsi per la maggior parte alla produzione di display per terzi, come appunti Apple o Samsung.

Le notizie di questo crescente rapporto con Samsung arrivano due mesi dopo che il gigante sudcoreano ha annunciato di aver investito 112 milioni di dollari proprio in azioni Sharp: l’accordo, a quanto pare, garantirebbe a Samsung un supporto a lungo termine per display LCD per TV di grandi dimensioni, e piccoli e medi per dispositivi mobili” – questo era quanto emergeva dal comunicato stampa, all’epoca.

Una mossa del genere, però, come avrete facilmente immaginato, rende ulteriormente complessi i rapporti tra Apple e Sharp: è già da molto tempo, infatti, che la società di Cupertino, anche alla luce degli ultimi (si fa per dire) fatti giudiziari, cerca di prendere le distanze da Samsung, affidandosi in modo sempre maggiore ad altri fornitori, come appunto la stessa Sharp o LG. E secondo alcune analisi, per garantirsi un completo supporto dai giapponesi, da Cupertino potrebbero aver investito fino a due miliardi di dollari.

Come finirà questa storia? Riuscirà Sharp a riemergere? E a quale prezzo? Voi cosa ne pensate?

via | AppleInsider

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>