Un poliziotto negli USA fa causa al figlio per gli acquisti In-App

di Redazione Commenta

Spread the love

Se pensavate di averne sentite di tutti i colori riguardo Apple e l’universo che le gravita attorno, probabilmente non avete ancora avuto modo di leggere la storia di Doug Crossan, poliziotto statunitense che ha fatto causa al proprio figlio per gli acquisti In-App effettuati su App Store.

La storia, che ha dell’inverosimile, nasce dopo il rifiuto della richiesta di risarcimento ad opera di Apple nei confronti del padre che a fronte di 3700$ di acquisti In-App ha deciso di chiedere il rimborso ad Apple.

Per tutelarsi da annose beghe legali nei giorni scorsi Apple ha provveduto a posizionare un avviso della presenza di acquisti In-App in app gratuite (perdonate il gioco di parole), in quanto già costato alla società il rimborso di 5$ a persona all’interno di coloro che avevano provveduto ad effettuare una class action nei riguardi della società.

Ciononostante Apple in questo caso si è rifiutata di risarcire il poliziotto dei 3700$ in quanto secondo il suo punto di vista si è trattato di un acquisto fraudolento, in quanto la spesa risultava troppo sostenuta.

Un ulteriore elemento di difesa da parte di Apple è il fatto che gli acquisti In-App siano soggetti comunque all’inserimento della password collegata al proprio ID Apple. Ciò significa in termini spiccioli che un qualsiasi acquisto In-App deve essere effettuato in prima persona dal titolare del l’account App Store oppure da altri, a patto che egli però inserisca la password o la riveli all’interessato.

Crossan non ha voluto saperne niente ed ha provveduto a fare causa al figlio, sebbene convinto intimamente della sua buona fede, al fine di poter disporre di un numero di riconoscimento della causa cui potersi appellare per poter ricevere un rimborso sulla propria carta di credito.

Cameron, il figlio del poliziotto, si troverà comunque in guai ben seri ed andrà incontro ad arresto e ad interrogatorio da parte dei colleghi del padre: operazioni che ad un bambino potrebbero essere certamente risparmiate.

via | 9to5mac

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>