Mappe iOS 6: il perché dell’addio a Google

Spread the love

Date le lamentele intorno alla nuova app Mappe in iOS 6 e alle ultime voci secondo le quali la licenza di utilizzo delle mappe di Google sarebbe scaduta il prossimo anno, vi starete sicuramente chiedendo quale sia stato il motivo che ha spinto Apple a distaccarsi da Google Maps così presto, lanciando peraltro un prodotto non ancora del tutto maturo.

Certamente tale decisione nasce da un insieme di fattori, ma quello che è stato determinante sarebbe stata una disputa per la navigazione vocale turn-by-turn.

Apple voleva fornire infatti da tempo una tale funzionalità ai suoi utenti e si è rivolta a Google facendone richiesta.

Tuttavia, non essendo tale eventualità contemplata all’interno dell’accordo di licenza, Google ha ben pensato di estrarre un bel due di picche dal suo taschino e di mandare a casa a mani vuote Apple.

Apple per tutta risposta ha deciso di abbandonare con un anno di anticipo il servizio Google Maps e di uscire in iOS 6 con un’app Mappe proprietaria, in modo tale da essersi ritagliata la possibilità di aggiungere la tanto bramata funzione di navigatore gratuito, dotato di funzionalità vocali.

La scelta di Google di negare tale potenzialità è stata sicuramente dettata dalla volontà di mantenere l’app Mappe su Android un gradino superiore all’omologa per iOS, dato che ormai da tempo essa offriva tali funzionalità. Quello che forse Big G non si aspettava, è stata l’immediata risposta di Apple.

Gli effetti di questo divorzio si sono fatti sentire sicuramente in una certa misura anche in Google Maps e nel traffico generato dai dispositivi iOS. Tant’è che a Mountain View avrebbero subito pensato di correre ai ripari e di creare una nuova app da destinare ad App Store.

Nonostante queste voci, non si è ancora avuto un riscontro diretto sulla faccenda e solo il tempo riuscirà a decretare il vincitore di questa tenzone.

Sicuramente le Mappe di Apple hanno ancora molta strada da fare, ma rispetto alle versioni presenti nelle primissime beta di iOS 6, è già stata compiuta molta strada.

via | TechnoBuffalo

1 commento su “Mappe iOS 6: il perché dell’addio a Google”

Lascia un commento