iPad: l’interesse degli sviluppatori si mantiene al primo posto

di Redazione Commenta

La guerra dei tablet, in questi anni, è più serrata che mai. Una larga parte di case produttrici di smartphone si va via via prodigando per presentare nel mercato la propria tavoletta digitale, cercando in ogni modo di togliere dal trono l’ormai saldissimo iPad della casa di Cupertino. Ma nonostante gli sforzi delle varie case, Apple rimane comunque al primo posto nelle preferenze degli sviluppatori, che non ci pensano due volte a scegliere i dispositivi della Mela come destinatari delle loro applicazioni.  

Un sondaggio condotto questo mese da Appcelerator e IDC su un campione di poco più di 2.000 sviluppatori, ci rivela come il 91% abbia affermato di essere interessato allo sviluppo su iPhone, mentre per l’88% vale la stessa cosa parlando di iPad. Numeri da capogiro, sicuramente, che confermano alla casa di Cupertino lo status di leader assoluto del mercato, sia parlando di vendite che di sviluppo.

Ma ogni dominio è destinato a cambiare e, se non a finire del tutto, a subire diverse modifiche nell’arco del tempo; e queste modifiche sono portate, ovviamente, dai vari rivali che di tanto in tanto fanno la loro comparsa sul mercato (i cosiddetti iPad-killer). Oggi 15 Novembre, ad esempio, esce sul mercato il nuovo Kindle Fire di Amazon, mentre il Galaxy Tab è già fuori da un po’ di tempo.

Abbiamo nominato i prodotti Samsung e Amazon perché, sebbene non riescano a scalfire considerevolmente il dominio Apple, sono quelli che più di tutti rappresentano un pericolo. Secondo lo stesso sondaggio, il 43% degli sviluppatori mondiali è interessato allo sviluppo sul nuovo tablet touchscreen di Amazon, mentre il prodotto di Samsung guadagna un ottimo 56% (qui sotto la tabella completa).


C’è da tenere in conto una cosa, però: considerando il prezzo più che competitivo del nuovo prodotto Amazon (199$) e il fatto che esca solo oggi, è possibile che, pian piano, Kindle Fire riesca a stupire privati e sviluppatori, rappresentando una valida alternativa ad Apple.
Ma sarà solo il tempo, a questo punto, a chiarirci le idee in merito.

via | Apple Insider

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>