Giochi su iPad mini: alcune immagini che li comparano con le versioni per iPad di terza generazione

Spread the love

giochi ipad mini ipad 3

Il 23 Ottobre è stato ufficialmente presentato iPad mini, e lo sappiamo. Qualche giorno fa è uscito sul mercato italiano (almeno il modello Wi-Fi). Costa 329€ di base, e fa dello schermo compatto uno dei suoi punti di forza. Il display, infatti, ha 7.9 pollici di diagonale, e una risoluzione che è pari a quella di iPad 2. Di conseguenza, essendo lo schermo più piccolo, l’immagine si vede meglio ed è più piacevole all’occhio.
Per dare un’idea migliore di come si vedono le applicazioni su iPad mini, il portale TouchArcade ha pensato di offrire una serie di dieci immagini in cui rendere palese il confronto tra il neonato di Cupertino e il fratello maggiore con Retina Display (in questo caso l’iPad di terza generazione).

Vi alleghiamo le immagini in calce all’articolo e vi lasciamo alla visione.

Voi cosa ne pensate?
È sicuro che iPad mini ha la stessa risoluzione di iPad 2 e che ha lo stesso rapporto schermo di tutti gli altri iPad, e di conseguenza non c’è molta differenza nel giocare qualcosa su iPad mini e giocare su qualsiasi altro iPad. Pensate che c’è anche chi non trova differenze tra le versioni iPhone e iPad, tanta è l’immersione in ciò che si fa!

Ciò che i ragazzi di TouchArcade trovano molto interessante, dunque, è proprio questo: l’iPad mini è sì molto più piccolo e sottile delle altre versioni, ma giocando questa cosa non si avverte poi così tanto. Nessuno dei giochi proposti nelle immagini – scrive sempre la fonte – ha fatto emergere problemi con gli elementi grafici ridimensionati, e in generale l’esperienza è esattamente analoga a quella che si avrebbe giocando sul classico display da 9.7 pollici.

E voi – acquirenti di iPad mini o semplici lettori – cosa pensate a riguardo? E qual è, secondo voi, la dimensione perfetta per dispositivo del genere?

via | TouchArcade

1 commento su “Giochi su iPad mini: alcune immagini che li comparano con le versioni per iPad di terza generazione”

Lascia un commento