I test di velocità confermano che l’iPad 4 è velocissimo

di Redazione Commenta

Ottobre è stato un mese molto importante per la linea iPad. Come ben sapete, infatti, Apple ha presentato ufficialmente l’iPad mini, primo dispositivo a 7 pollici della casa, e anche con un po’ di sorpresa l’iPad di quarta generazione, spostando l’annuncio e l’uscita di dispositivi “maggiori” da Marzo a Ottobre (probabilmente per sfruttare al meglio il periodo natalizio). Oggi vi riportiamo il risultato di alcuni test di velocità di iPad 4, che ne dimostrano l’assoluta superiorità rispetto a tutti gli altri device della gamma. 

Ciò che l’iPad di quarta generazione non ha in stile, infatti, lo recupera in performance. Se il mini si presenta più snello ed elegante, il 4 è invece molto più veloce e performante. Sono i benchmark a dirlo: la quarta generazione del 9.7 pollici ha infatti totalizzato un risultato di 1,791, contro un iPad mini che si ferma soltanto a 764, più o meno quanto iPad 2 e iPad 3. Il merito di questo ottimo risultato va in larga parte al processore Apple A6X montato nel nuovo dispositivo, e siamo dell’idea che anche l’iPad 3 avrebbe dovuto averlo, invece di fermarsi ad essere solo poco più potente del predecessore.

Abbiamo anche i risultati di alcuni test di connettività, effettuati da CNet: è capitato, dice l’autore, che iPad 4 registrasse una velocità di download compresa tra 34 e 40Mbps, mentre il mini si fermasse a una media di 16, meno della metà del fratello maggiore. Per l’upload, invece, si parla di 13Mbps per il 4 e 10 per il mini. Ma queste differenze sono un’eccezione: di norma, infatti, si registra una velocità di download attorno ai 10Mbps, e una di upload di circa 3, per entrambi i dispositivi.

L’iPad di quarta generazione, infatti, se ci fosse ancora qualche dubbio, è in assoluto e di gran lunga l’iPad più veloce e performante attualmente in commercio. Chissà come sarà il prossimo…

via | CNET

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>