Scovata misteriosa app di appunti in Google Drive, Google Keep

di Redazione Commenta

Tempo di pulizie di primavera, per Google, e sulla rete si alimenta il vociare riguardo i servizi che la società di Mountain View starebbe tagliando o aggiungendo alla sua già vasta gamma di proposte. Oggi vogliamo parlarvi di quello che sembrerebbe qualcosa di nuovo – o perlomeno di rinnovato. Un report di Android Police ci informa della presenza di un nuovo servizio di appunti, all’interno di Google Drive, chiamato Google Keep, che dovrebbe permettere all’utente di annotare qualsiasi cosa, cambiare colore alle note, aggiungere immagini e gestire checklist per organizzare al meglio qualsiasi impegno. L’idea ricorda lo sfortunato servizio Notebook di Google, e prodotti più celebri e di successo come Evernote. La cosa è stata scoperta dall’utente 1E100 di Google+.

la notizia puntava direttamente al sito https://drive.google.com/keep, pagina prontamente rimossa dallo staff di Google. Ciò che rimane per il momento, quindi, non è che uno screenshot di Android Police (che potete vedere qui sopra) e un logo ufficiale che potete trovare cliccando qui.

Non si tratta però della prima volta che sulla rete si sente parlare di questo Google Keep: l’anno scorso, il profilo ufficiale di Google riportava un post la cui immagine conteneva accidentalmente (?) la dicitura Add to Google Keep, “Aggiungi a Google Keep”, indicando la presenza di una probabile funzionalità di lettura offline, o qualcosa del genere.

Considerando il grande interesse che, specialmente in questi anni, sta ruotando attorno alle funzionalità di note e appunti – citiamo ancora il famoso Evernote – appare quasi ovvio che anche Google voglia cimentarsi in un progetto simile.
Per il momento, ad ogni modo, non si sa nulla di ufficiale. Qualcosa che bolle in pentola c’è di sicuro riguardo questo Google Keep, ma non abbiamo ancora idea di quanto Google abbia intenzione di ufficializzarlo.

Rimanete con noi, ad ogni modo, per seguire gli sviluppi di questa interessante vicenda.

via | The Verge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>